MAPPA      

Valid HTML 4.01!

Google
Web Sito
 

LOGO


Gestione delle partizioni

Prima di installare da capo un sistema Windows 2000 è necessario pianificare come il sistema dovrà vedere logicamente i dischi ossia bisogna scegliere la struttura della o delle partizioni logiche.

Esistono 2 tipi di partizioni utilizzabili dai sistemi operativi Microsoft Windows:

  • Primarie : sono le partizioni che possono essere avviabili (BOOT) e che quindi possono contenere il sistema operativo. Sono consentite al massimo 4 partizioni primarie;
  • Estese : le partizioni estese non possono essere avviabili ma possono essere presenti in numero maggiore di 4;

La scelta delle partizioni è un aspetto molto importante dell'installazione può dipendere da diversi fattori.

Provo ad enumerarne alcuni:

  • La dimensione effettiva dei dischi che devono ospitare le partizioni.
  • La stima del numero di utenti del computer , del numero di applicazioni che verranno installate e della necessità di spazio su disco per memorizzare i dati degli utenti.
  • Il sistema operativo.
  • La dimensione della RAM.
  • Le modalità di Back-Up.

In generale è molto utile avere a disposizione più di una partizione logica: la prima partizione che contiene il sistema operativo , i programmi , la memoria virtuale e i profili utenti, la seconda contente i dati creati o inseriti dagli utenti o comunque quei dati più sensibili ad un eventuale corruzione del sistema in quanto non recuperabili.

La prima partizione deve essere definita in fase di installazione del sistema operativo. La seconda va aggiunta in un secondo momento e tipicamente è formattata con un filesystem comune visibile anche da un disco di avvio in DOS (FAT32).

Se il sistema operativo è Microsoft Windows 2000 la partizione C: potrebbe essere formattata in NTFS mentre la partizione D: in FAT32. Questa configurazione è molto utile perché sono divise due aree logicamente in modo che una contenga file recuperabili , al limite dai dischi di installazione e la seconda contenga file recuperabili solo da un backup.

I vantaggi di una configurazione così delineata sono:

  • In caso di corruzione del sistema la partizione d: è visibile attraverso un floppy di avvio (Attenzione!!! Il floppy vedrà solo la partizione FAT32 che mapperà com C:)
  • Avendo una partizione logica dedicata ai file da archiviare si minimizza lo spazio richiesto all'archivio rendendolo aderente solo a quello necessario evitando così di includere programmi o cartelle di sistema che spesso e volentieri sono piuttosto corposi;
  • A regime è possibile attraverso appositi programmi di terze parti creare anche un immagine della partizione C: allo scopo di rendere più veloce la reinstallazione del sistema operativo e di tutti i programmi e le rispettive configurazioni.
  • Gli accessi dovuti all'attività di sistema in particolare alla gestione della memoria virtuale sono concentrati sul disco C: mentre nel disco D: rimangono effettivamente solo gli accessi relativi ai dati non recuperabili.
  • Per la partizione del sistema operativo si è scelto il file system nativo di Windows NT (non dimentichiamoci che Windows 2000 di fatto è la versione 5.0 di Windows NT) per cui gli accessi di sistema dovrebbe essere molto più ottimizzati rispetto alla FAT32. Per lo stesso motivo è consigliabile posizionare il file utilizzato per la gestione della memoria virtuale (pagefile.sys) in una partizione NTFS.

Se non si intende installare software di terze parti la definizione delle partizioni è possibile solo nella maschera "Gestione Computer" altrimenti un buon prodotto che vale la pena considerare è Powerquest Partitionmagic.